ACCADEMIA DELLO SPORT BLUBAY SUPER AL XI° OPEN DI SAN MARINO

XI edizione Open Internazionale di San Marino, ormai un evento a cui l’Accademia dello Sport BluBay settore Karate dei Maestri Alessandro Fasulo, Carmelo Triglia e Alessio Magnelli partecipa con grande interesse e con risultati sempre all’altezza.

Per questa edizioni numeri sempre in crescita che testimoniano il gran lavoro della Fesam (Federazione Sammarinese Arti Marziali) presieduta Maestro Maurizio Mazza e dal responsabile arbitrale Fabio Castellucci.

Oltre 600 gli atleti iscritti nei due giorni di gara, 70 circa le società presenti e 6 le Nazioni in gara.

La società labronica torna ancora una volta da protagonista risultando al 4° posto nella classifica per società della gara destinata ai pre-agonisti, alle cinture colorate ed ai Master, testimoniando il buon lavoro intrapreso nella crescita del settore giovanile.

Molto bene anche i ragazzi che si sono impegnati nelle categorie open del Sabato.

Con 13 atleti in gara e 2 arbitri, Marco Bini e Gaia Chellini, gli atleti dell’Accademia dello Sport BluBay, accompagnati per l’occasione dal Tecnico Alessio Magnelli, hanno portato a casa 19 le medaglie, 5 ori 6 argenti e 8 bronzi.

Questi i risultati. Nelle categorie pre-agonistiche della prova tecnica di palloncino oro per Leonardo Magnelli, argento per Nicolas Pietroni e Lorenzo Bertini.

Nel percorso a tempo bronzo per Brenda Passetti, Lorenzo Bertini e Leonardo Magnelli.

Nel kata oro per Marco Pietroni, Daniela Parlanti, argento per Leonardo Magnelli, Nicolas Pietroni, bronzo per Mirco Taglialatela, Davide Pierotti.

Nel kumite (combattimento) oro per Federico Bini, argento per Lorenzo Bertini e Marco Pietroni, bronzo per Emanuele Magnelli, Manuele Miniati, Matteo Lanfranca.

Buone anche la prove nel kumite di Giada Barontini e nelle prove pre-agonistiche di Valerio Bellini.

 

 

 

ACCADEMIA DELLO SPORT BLUBAY PROTAGONISTA AGLI EUROPEI SSEKF DI SAN MARINO

5° edizione del Small States Championship Karate EKF (European Karate Federation), dedicato alle piccole nazioni d’Europa quali la ANDORRA, CYPRUS, ICELAND, LIECHTENSTEIN, LUXEMBOURG, MALTA, MONACO, MONTENEGRO, SAN MARINO.

Quest’anno è stata la Fesam (Federazione Sammarinese Arti Marziali), presieduta dal M° Maurizio Mazza, ad aver avuto il privilegio di organizzare la prestigiosa gara continentale, coadiuvato dal responsabile di gara Fabio Castellucci (Vice responsabile arbitrale CSEN).

San Marino, Stato più piccolo insieme a Monaco, è riuscito a battere tutti i record delle precedenti edizioni con quasi 500 partecipazioni e la presenza, per la prima volta, di tutti i 9 piccoli paesi d’Europa.

Meeting Committe, Congresso SSEKF, Corsi Arbitri, Briefing Coach, si sono susseguiti nelle sale del Comitato Olimpico Sammarinese, prima di passare alla Cerimonia di Apertura del Campionato. Cerimonia che ha visto la presenza, oltre ai Presidenti dei Piccoli Stati e presidente della SSEKF Andreas Vasileiou, del Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Sammarinese Gian Primo Giardi, di autorità italiane in ambito del Karate e di tutto lo staff dirigenziale e tecnico della FESAM.

 

Palasport Multieventi di Serravalle gremito in ogni ordine di posto con un gran tifo delle delegazioni presenti, tutti  ad assistere, nei 2 giorni di gara, alla prestazione di alto livello di atleti di caratura internazionale  che si sono dati battaglia per l’ambita medaglia nelle specialità di kata (forma) e kumite (combattimento).

L’Accademia dello Sport BluBay di Livorno, società dello CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale), era presente con ben 8 atleti.  Grazie alla collaborazione pluriennale tra la palestra labronica e la Federazione Sammarinese, i ragazzi dei Maestri Alessandro Fasulo, Carmelo Triglia e Alessio Magnelli hanno potuto difendere i colori della Repubblica di San Marino.

Ben tre i podi conquistati, nel kata a squadre under14 il team composto da Matteo Lanfranca, Emanuele Magnelli e Manuele Miniati conquista un ottimo argento, battuti in finale solo dalla compagine Lussemburghese. Nel kumite a squadre under14 i soliti tre atleti labronici conquistano la medaglia di bronzo battendo in una finale al cardiopalma i Ciprioti con il punto decisivo agli ultimi secondi di Lanfranca, autore di uno splendido incontro finale decisivo.

Nell’individuale under13 +50kg kumite Emanuele Magnelli conquista la sua terza medaglia battendo in finale per il terzo posto l’atleta Islandese dopo una pool tosta dove si è ben comportato bissando il risultato dello scorso anno ad Andorra. Per lui questa è la terza medaglia Internazionale dell’anno dopo la vittoria all’Open di Svezia e all’Open giovanile d’Austria.

Nel kumite team Senior dignitoso 5° posto per la squadra di Lorenzo Betti, Simon Botta e Alessio Magnelli che si arrendono nella finale per il terzo posto alla compagine monegasca.

Ottime le altre prestazioni individuali, nel kata Cadet Caponera Diego raggiunge il 5° posto dopo 3 buone prove in una categoria tra le più numerose. Nel kumite individuale under14 +47kg Giada Barontini e under13 +50kg Manuele Miniati dimostrano una costante crescita ma si devono arrendere all’atleti ciprioti.

Stessa sorte nel kumite senior -75kg per Lorenzo Betti e nei -67kg per Alessio Magnelli eliminati di misura.

Prestazione da parte di tutti i ragazzi livornesi di assoluto prestigio che denota un continuo miglioramento e premia il gran lavoro fatto dai Maestri dell’Accademia dello Sport BluBay, in vista dei nuovi appuntamenti agonistici degli Open Internazionali di San Marino, il Campionato regionale Csen di Collesalvetti, e il Campionato Nazionale Csen di Fidenza.

Karate, l’Accademia dello Sporto Blubay sbarca in Croazia

Si chiude con un altro, l’ennesimo, appuntamento internazionale la stagione agonistica dell’Accademia dello Sport Blubay settore karate..  

Questa volta in Croazia, precisamente a Umag, caratteristica città istriana sul mare con connotati sportivi molto radicati, teatro ormai da oltre un decennio di una delle più importanti competizioni Mondiali di karate dedicate alle categorie giovanili, ospitando una delle quattro tappe della coppa del Mondo giovanile, la Karate1 Youth League WKF.

I ragazzi dei Maestri Alessandro Fasulo, Carmelo Triglia e Alessio Magnelli erano presenti con 5 atleti, per il kumite (combattimento) Giada Barontini, Matteo Lanfranca,  Emanuele Magnelli, Manuele Miniati, per il kata (forma) Diego Caponera).

Settimana impegnativa iniziata con i primi tre giorni dedicati al training con i più bravi tecnici mondiali del momento, impegnati a gestire circa  800 atleti che si allenavano simultaneamente nelle 4 zone dedicate.

Dopo è stata la volta della  competizione, circa 90 le nazioni presenti con oltre 2400 atleti, circa 600 per le categorie dedicate agli under12 e under21,  più di 1800 nella categorie under14, Cadet e Junior.

Dopo la conquista di due importanti medaglie d’oro all’Open di Svezia e allo Austrian Junior Open con Emanuele Magnelli, gli atleti labronici si sono ben comportati anche in Croazia, sfiorando anche il podio.

Nella categoria kumite under12 +38kg ottimo 5° posto di Emanuele Magnelli, dopo 3 incontri, perde la finale per la medaglia di Bronzo confrontandosi con atleti Russi, Bielorussi e Croati. Perde la finale di misura 1-0 contro l’atleta croato battuto a Salisburgo la settimana precedente in finale.

Altro piazzamento prestigioso viene dal kumite con l’11° posto di Manuele Miniati, che riesce ad entrare in classifica con un turno di ripescaggio dopo aver combattuto con il forte atleta Ucraino, perdendo poi ai recuperi con l’atleta della Russia.

Benissimo anche le prove, sempre nel kumite, di Matteo Lanfranca che negli under14 +55kg si arrende all’atleta della Lettonia e Giada Barontini negli under14 +47kg  femminile che perder dall’atleta Bosniaca.

Nel kata bella prova di Diego Caponera nella categoria cadet, 9° nella propria pool di gara.

Karate, Magnelli si ripete anche in Austria

Grande trionfo del livornese che, bissando il primo posto dello scorso mese all’Open di Svezia vince una prestigiosissima medaglia d’oro dopo 5 combattimenti ben gestiti.

Salisburgo, per la sua bellezza patrimonio dell’UNESCO, città tranquilla, ben organizzata, una città barocca natale di uno dei più grandi musicisti della storia Mozart, ricca di teatri.

Teatro che per il passato weekend si è aperto per ospitare l’Austrian Junior Open, torneo di prestigio di karate dedicato alle categorie giovanili, ben organizzato e diretto dalla Federazione Austriaca di karate.

Quasi 1100 atleti in gara provenienti da 26 nazioni diverse.

Due giorni di gara che hanno visto gareggiare sul tatami fra i più bravi atleti continentali, e non solo, di categoria.

Tra loro 3 atleti labronici dell’Accademia dello Sport Blubay dei Maestri Alessandro Fasulo, Carmelo Triglia e Alessio Magnelli.

Emanuele Magnelli, Federico Bini e Matteo Lanfranca, a cui si aggiunge Irene Machetti dell’Okinawa karate Venturina del Maestro Roberto Ninci, atleti che per l’occasione era in rappresentanza della Fesam (Federazione Sammarinese Arti marziali) del presidente Maurizio Mazza.

Grande trionfo quello di Emanuele Magnelli che, bissando il primo posto dello scorso mese all’Open di Svezia, nella categoria under12 +38kg di kumite (combattimento) vince una prestigiosissima medaglia d’oro dopo 5 combattimenti ben gestiti in una categoria folta e di primissimo livello, non subendo neanche un punto a sfavore. L’atleta labronico ha battuto nei turni preliminari l’atleta svizzero, italiano e austriaco per poi approdare in semifinale contro l’atleta inglese battuto con un secco 3-0. Bella la finale contro l’atleta Croato che lo ha visto uscire vincitore al giudizio arbitrale dopo che l’incontro era finito 0-0.

Grandi anche le prove di Matteo Lanfranca, che si è visto superare ai quarti di finale dall’atleta tedesco nella categoria under14 +55kg kumite, e Federico Bini autore di due belle prove al debutto internazionale, la prima persa contro l’atleta svizzero nella categoria under12 +38kg e la seconda persa nella categoria under12 Open contro l’atleta austriaco dopo aver rimontato l’iniziale svantaggio.

Nel kata buonissima la prova di Irene Machetti negli under12 che, anche ella al debutto internazionale, supera il primo turno contro l’atleta inglese per poi arrendersi all’atleta austriaca.

Gli atleti per l’occasione erano seguiti dai tecnici Alessio Magnelli e Marco Bini.

Prossima settimana altro impegno Internazionale per l’Accademia dello Sport Blubay alla WKF Youth Cup e Under12 di Umag, dove verranno schierati Emanuele Magnelli, Manuele Miniati, Matteo Lanfranca, Diego Caponera e Giada Barontini.        

ACCADEMIA BLUBAY VINCE IL 4°TROFEO CSEN TOSCANA

ACCADEMIA BLUBAY IN TRIONFO A FIGLINE.

Un altro trofeo si aggiunge alla bacheca dell’Accademia dello Sport BluBay settore Karate.

Domenica scorsa gli atleti labronici dei Maestri Alessandro Fasulo, Carmelo Triglia e Alessio Magnelli erano impegnai a Figline Valdarno per la 4° edizione del Trofeo Csen Toscana.

La gara organizzata dal comitato regionale Csen (Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI nr.1 in Italia) ha visto la presenza di circa 500 iscrizioni di 22 società provenienti da tuta la Toscana.

La palestra di Via Garibaldi era presente con 26 dei suoi atleti, gli arbitri Marco Bini, Gaia Chellini, Simon Botta  e il presidente di giuria Franco Botta.

34 sono in totale le medaglie conquistate, 12 ori 9 argenti e 13 bronzi che hanno permesso all’Accademia dello Sport BluBay di aggiudicarsi il 1° posto nella classifica generale per società.

Altro gran bel risultato che evidenzia la forza del gruppo labronico che era presente alla manifestazione con atleti di tutte le età e classi a dimostrazione del gran lavoro sociale e di aggregazione che cercano di trasmettere da sempre i suoi bravi Maestri.

Questi i risultati per specialità.

Percorso a tempo: primi classificati Melissa Cialandroni, Francesco Puccinelli, Robert Bejan, terzi classificati Raul Mihai, Brenda Passetti, Leonardo Magnelli, Josan Mihai, Valerio Bellini.

Prova tecnica palloncino: primi classificati Leonardo Magnelli, Melissa Cialandroni, secondi classificati Mihail Josan, Robert Bejan, Valerio Bellini, terzi classificati Brenda Passetti, Francesco Puccinelli.

Prova libera/kata: primi classificati Brenda Passetti, Diego Caponera, Marco Bini, Marco Pietroni, secondi classificati Melissa Cialandroni, Emanuele Magnelli, Daniela Parlanti, Fabio Ciattini, Caponera Diego e Marco Bini nella cat.superiore, terzi classificati Federico Bini, Isabella Marmeggi, Fabio Ciattini nella cat.superiore.

Kata a Squadre: vittoria per il team composto da Emanuele Magnelli-Diego Caponera-Manuele Miniati e per il team Leonardo Magnelli-Fabrizio Ionescu-Nicolas Pietroni, secondo il team Giada Calvaruso-Brenda Passetti-Melissa Cialandroni, terzi i team Vittorio Fancelli-Emanuele Fancelli-Robert Mihai, Valerio Bellini-Robert Bejan e il team Federico Bini-Emanuele Pasquetti-Emanuele Magnelli.

Ottime anche la prove di Mattia Cinquini e Gabriele Dello Sbarba.

Un ringraziamento al nostro sponsor BluBay Ford.

MAGNELLI EMANUELE VINCE LO SWEDISH KARATE OPEN 2018

Grande risultati dei labronici in trasferta in Svezia per lo Swedish Karate Open 2018, gara internazionale di sicuro prestigio organizzata, nei giorni 14 e 15 Aprile, dalla Federazione Svedese presso palasport di KRISTIANSTAD, città del 1600 sotto il livello del mare nella contea di Scania, importante per la sua storia e risorse agricole.

600 circa gli atleti in rappresentanza di 15 nazioni diverse si sono cimentati nei 5 tatami di gara nelle specialità di Kata (forma) e kumite (combattimento) dimostrando l’elevato tasso tecnico presente alla gara patrocinata dalla Federazione Mondiale WKF (World Karate Federation).

Tanta la preparazione ed il sacrificio per questa gara ma grandissima è stata la prestazione degli atleti labronici dell’Accademia dello Sport BluBay di Livorno, che, seguiti da un nutrito pubblico in diretta streaming da casa, hanno portato a casa una medaglia d’oro ed una d’argento.

Per l’occasione gli atleti erano accompagnati dai M°Fabio Castellucci (responsabile Arbitrale della Fesam e vice-responsabile Nazionale Csen) e Alessio Magnelli (coach atleti Fesam-Csen Toscana)

Una domenica da ricordare con il successo di assoluto valore per Emanuele Magnelli nel kumite giovanile, che dopo 4 combattimenti ben gestiti con maturità e grande tecnica, vince la medaglia d’oro superando atleti di Danimarca, Svezia e Norvegia, vincendo la finale sul filo di lana 3-2 all’ultimo assalto.

Bella prova anche del piccolo Leonardo Magnelli che vince la medaglia d’argento battendo nei kata l’atleta Danese ma perdendo in finale contro l’atleta Svedese.

Buona la gara nei Master di Alessio Magnelli, che perde ai quarti di finale contro l’atleta Danese e nella categoria femminile di kata giovanile di Jessica Enache che perde agli ottavi ai danni dell’atleta Svedese.

Grande la soddisfazione dei Maestri Alessandro Fasulo, Carmelo Triglia e Alessio Magnelli per un risultato Internazionale di così grande valore.